Scopo del Diario

Perché spendere soldi e tempo per mettere in pista e mantenere un blog che seguiranno al massimo quattro pazzi disperati che invece di fare un salto al supermercato a comprare le zucchine si vogliono sciogliere di sudore in mezzo ad un Orto?

I motivi alla fine non sono nemmeno pochi e ve li elenco in quello che vuole essere una sorta di Manifesto del Blog per mettere in evidenza quelli che saranno contenuti, obiettivi, metodi e scopi di queste pagine:

  1. Avevo bisogno di un contenitore dove mandare a memoria tutte le esperienze maturate durante quest’attività per essere certo di replicarle di anno in anno.
  2. Condividere con altri appassionati problemi e soluzioni trovate: la somma delle esperienze di tutti può fare da volano alla crescita di ognuno … e soprattutto delle nostre care piantine.
  3. Seminare la passione per la terra nei giovani e nei curiosi parlando la stessa lingua di chi parte da zero e matura tutta la sua esperienza sul campo.
  4. Trasmettere tutto ciò che c’è prima del momento in cui ci sediamo a tavola per gustare un buon pomodoro: fatiche, problemi e difficoltà così da innestare la consapevolezza del valore del cibo che troppo spesso buttiamo considerandolo un bene di scarso valore.
  5. Capire assieme la natura e come sostenerla nel migliore dei modi affinché produca dei frutti sani dove chimica e esagerazioni genetiche trovino uno spazio limitato, ponderato e prudente che sia prima di tutto ed alla fine sempre sostenibile.
  6. Coltivare le tradizioni sia in metodologie (il come coltivo) che in materiali (il cosa coltivo) che si sono evolute in più di 10.000 anni di storia.

Questo blog è scritto da chi non ha titoli di studio in materia ma che ha maturato esperienze esclusivamente empiriche partendo sempre da letture ma verificando poi ogni volta sul campo. Sottolineo ciò per fornirvi della giusta lente che vi consenta di leggere queste pagine con il corretto approccio. Non troverete qui solo soluzioni ma spesso anche problemi, dubbi e domande che spero la comunità piccola o grande che si creerà possa concorrere a trovare le giuste soluzioni.

Eventuali riferimenti stagionali sono da considerarsi riferiti alla zona locale Prealpi Lombarde.

Chiudo riassumendo le stelle polari che ci guideranno in quest’avventura:

  • Ambiente: per mangiare prodotti sani non possiamo prescindere da un ambiente sano
  • Sostenibilità: per garantire che anche i nostri discenti abbiamo una terra fertile e produttiva tutte le nostre attività attuali devono essere replicabili e sostenibili nel tempo
  • Salubrità: se siamo ciò che mangiamo io voglio mangiare sano (che non vuol dire Zero chimica ma chimica solo quando è assolutamente necessario).

Detto ciò ………

   …… Buona Campagna a Tutti

   Angelo –Ragazzo di Campagna-